Nov
24

Che lavoro faccio?

Posted by gwineth in 2.0, Everyday life

10615480_489520134520990_2864938342880544118_n


Dec
10

Community Manager: mettiamo fiori nei vostri cannoni

Posted by gwineth in 2.0, Everyday life


Feb
6

Galline in fuga da Volunia

Posted by gwineth in 2.0

il logo di VoluniaPrime impressioni dalla conferenza stampa mondiale di presentazione del nuovo motore di ricerca del prof. Massimo Marchiori dell’Università di Padova.

Parte male e non prosegue meglio… la presentazione è in ritardo, il proiettore non funziona, la visibilità dello schermo è scarsissima, ciò nonostante l’atmosfera è carica, perchè il comunicato relativo a Volunia, che promette di gareggiare con Google, è denso di aspettative, subito smorzate dall’intervento iniziale del docente, che appare poco a proprio agio davanti al pubblico e quasi preoccupato di dover mostrare un prodotto di molto inferiore rispetto a quanto annunciato.

Il paragone iniziale con i polli di Galline in Fuga non aiuta di certo: sulle prime Volunia sembra un motore di ricerca del tutto simile a Google, ma con un’usabilità decisamente inferiore, ed è incomprensibile il target del progetto. Troppo grafico e incapace di dare risultati ottimali in breve, quindi non destinato a chi lavora online, ma anche troppo complesso da gestire per un utente con scarse capacità di semantica web. L’approccio a mappa territoriale pare un mix tra Google e l’estetica di Farmville. Nel frattempo, su twitter parte l’hashtag #voluniafail.

La funzione aggiuntiva, quella social, sembra più che altro uno strumento di stalking autorizzato. Volunia ti mette in contatto con gli altri utenti che hanno fatto le stesse ricerche. In questo modo, magari, coniugi gelosi potranno scoprire che il partner ha cercato “tradimenti online” il giorno prima, o potrete ritrovare la ragazza tanto carina che avete beccato al cinema l’altra sera notando che cercava il titolo su MyMovies. A parte questo? Nulla, perchè Volunia non è un social, ovviamente.

I polli del professor Marchiori sono sicuramente usciti dalle gabbie, ma forse era meglio se ci restavano dentro ancora un po’. Il prodotto, se davvero è quanto visto in presentazione, è assai deludente e non può che aver strappato ilarità a Mountain View. Oggi pomeriggio (a ora indefinita, sic) l’apertura ai power user selezionati e, si spera, il riscatto.


Elenn sìla lùmenn' omentielvo is Stephen Fry proof thanks to caching by WP Super Cache

encyclopedie & Credit counseling & national guard